Italiano laureato di 39 anni lascia l’Italia per il Brasile

Clicca dove vuoi condividere l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In molti scelgono il Brasile come terra di emigrazione, questo Paese enorme offre moltissime opportunità in termini imprenditoriali. Così anche alla soglia dei 40 anni si di decide di lasciare tutto e partire lontano.

Ecco per voi il racconto di un italiano laureato che ha lasciato l’Italia per il Brasile.

“Sono un laureato di 39 anni che da 3 anni e mezzo ha scelto di abbandonare l’Italia per il Brasile paese in forte crescita e considerato il paese del futuro e l´unico tra i paesi emergenti (oltre a Russia Cina India) veramente democratico. Non sono iscritto all’AIRE per scelta. L´Italia stava e sta vivendo un periodo di decadenza economica sociale soprattutto politica che mi ha convinto a tentare un´esperienza all’estero, essendo originario della pianura padana, sono infatti di Parma, ho scelto un paese caldo, un paese che ha un´effervescenza culturale, sociale economica e anche politica notevoli. Il Brasile ha ancora grossi problemi a livello sociale problemi legati alla salute pubblica all’educazione pubblica e alla violenza ma sta facendo notevoli progressi. E´un paese ricchissimo di risorse naturali (petrolio ferro uranio) di risorse agricole (tra tutte canna da zucchero e soia) ma soprattutto è la maggior riserva mondiale di acqua dolce (il 13% delle riserve mondiali di acqua dolce sono in Brasile). E´un paese che offre ancora grandi possibilità, ma ha un grande difetto, la maggior parte della popolazione e´impreparata a causa di una diffusissima ignoranza dovuta ai problemi dell´educazione pubblica. Solo pochi eletti e ricchi hanno una buona educazione e maggiori possibilità di approfittare delle opportunità che questo paese offre.”