Gibilterra, paradiso fiscale europeo in white list

Clicca dove vuoi condividere l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Paradiso fiscale in Withe List: Gibilterra

Quando si parla di paesi esteri con ottimizzazione fiscale, si pensa a Malta, Cipro, Svizzera o Inghilterra. Ma c’è un paese che è davvero un reale paradiso fiscale europeo sia per le aziende che per le persone fisiche e si chiama Gibilterra.

Geograficamente parlando, Gibilterra si trova in una posizione particolarissima nell’Europa sud occidentale ed esattamente sulla costa meridionale della Spagna. Confina interamente con La Linea de la Conception (comune spagnolo nella regione dell’Andalusia) ma è una dipendenza della casata inglese.

 

 

Gibilterra è sempre stata considerata un paradiso fiscale e con il Decreto Ministeriale 04/05/1999 il sistema fiscale italiano l’aveva inserita tra gli Stati o Territori della Black List. Ponendo quindi limitazioni fiscali ai rapporti economico commerciali tra il nostro paese ed i soggetti ubicati in tale territorio. Ho scritto “aveva” perché dal 2016 Gibilterra è stata finalmente tolta dalla lista nera e quindi posizionata nella White List. Da sottolineare è l’alto tenore di vita che gli abitanti del paese hanno, molto superiore rispetto a quello dei confinanti spagnoli e vicini marocchini.

Come fa un territorio in Europa così piccolo ad offrire addirittura un PIL pro capite di 43.000 dollari ???

La spiegazione è molto semplice: hanno la loro moneta, la Sterlina, e non hanno aderito ai trattati di Schengen. Dunque hanno una frontiera che controlla gli ingressi nel Paese. E per finire i prezzi delle case in affitto sono davvero alti, pensiamo al prezzo di un appartamento standard appena fuori dal centro di Londra.

A parte queste mie considerazioni il territorio gode di una delle tassazioni sulle imprese più bassa di tutta Europa (se non del mondo), ovvero solo del 10%. Inoltre non esiste l’IVA e la tassa standard sul reddito delle persone fisiche è di circa il 20% (con molte detrazioni possibili).

Questo la fa diventare il centro nevralgico delle imprese di gioco e scommesse online, ad esempio WilliamHill, Bwin, 888 etc specialmente perché questo settore paga solo l’1% di tasse. 

Le attività lavorative più importanti del Paese sono incentrate sul turismo, Gibilterra è una meta per le navi da crociera con decine di migliaia di turisti che sbarcano ogni anno.

I lavoratori frontalieri che oltrepassano il confine ogni giorno sono tantissimi e la maggior parte sono di nazionalità spagnola, mentre gli italiani residenti a Gibilterra sono davvero pochissimi, chiaramente a causa del prezzo degli affitti davvero esoso.

Non ci credete che le tasse sono così basse ? Visitate voi stessi il sito del Governo di Gibilterra e leggete QUI