Catfight in Irlanda, lotta clandestina tra donne poco vestite

Clicca dove vuoi condividere l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I combattimenti tra persone hanno da sempre suscitato molto interesse, dai tempi dell’antica Grecia, antica Roma, Medioevo, etc. etc. Della storia contemporanea conosciamo anche i nomi di
grandi pugili e lottatori, come Carnera o Rocky Marciano. Ma da qualche tempo a questa parte anche le donne hanno cominciato a lottare, e anche mezze nude.

L’ultima moda erotica: il catfight

Come accennato poc’anzi da un po’ di tempo è apparsa una nuova lotta tra umani tutta al femminile. In questo caso però non ci sono campionati, regole ben precise, squadre o supporters. Anzi, sembra quasi come quei combattimenti clandestini che avvengono tra animali, tipo galli o cani; c’è un premio per il vincitore, esiguo, e scommesse da parte del pubblico. In questo caso si tratta di donne, ragazze per l’esattezza, che danno probabilmente sfogo ai loro nervi: picchiandosi, tirandosi i capelli, graffiandosi e probabilmente anche mordendo l’avversario. E si, non esistono regole, tutto è ammesso fino a quando l’avversario non si arrende. Fin qui sembra semplicemente un combattimento clandestino tra adulti, donne, ma non è finita. Queste ragazze, decisamente poco femminili, combattono in bikini. Si affrontano dentro un ring di fortuna quasi senza vestiti fino a rimanerne senza durante il combattimento. Qualora non dovessero riuscirci
da sole è direttamente il pubblico che interviene per spogliarle. Siamo dunque di fronte non solo ad un combattimento di dubbio gusto estetico e sportivo, ma anche di fronte ad un atto erotico. Si perché tra il pubblico non ci sono soltanto amanti della lotta libera ma anche molti uomini che sono lì per vedere le ragazze nude.

Il premio del vincitore

Le protagoniste di questa lotta, forse all’ultimo sangue, rimangono in lingerie. Quest’ultima stranezza erotica è chiamata Catfight ed ha cominciato il suo sviluppo nelle fredde terre del Nord Europa, in Irlanda per la precisione. Le combattenti arrivano a guadagnare la modica cifra di 180 Euro ad ogni incontro dove nulla è vietato, si possono tirare i capelli, prendersi a pugni e schiaffi
il tutto mentre gli uomini guardoni stanno lì ad assistere; molte delle volte sfilandogli l’abbigliamento intimo rimasto. Alla vincitrice dell’incontro va il doppio dell’incasso dovuto per la partecipazione, ovvero 360 Euro. Come ogni combattimento clandestino che si rispetti i luoghi dove avvengono rimangono tenuti segreti e i filmati degli incontri vengono poi venduti per 15 Euro l’uno.