Cardinale australiano accusato di pedofilia, nominato da Papa Francesco

Clicca dove vuoi condividere l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Vaticano proprio nel nome del Santo Padre, Congeda George Pell dalla sua importante mansione economica “Ministro delle finanze Vaticane”, praticamente figura numero due del Vaticano, chiedendogli di prendersi tutto il tempo necessario per affrontare il processo australiano che lo attende per la questione dei fatti relativi a quando, l’ex Vescovo, oggi Cardinale e Ministro delle Finanze Vaticane, professava in Ballarat localita’ al nord di Melbourne.

Cardinale australiano, George Pell, accusato di pedofilia

Secondo i magistrati della Corte Australiana, le numerose testimonianze raccolte contro George Pell, testimonianze che accusano lo stesso di pedofilia nei confronti di minori quando operava in Ballarat, hanno dato il via ad un processo che pone la chiesa ed il Vaticano in una situazione estremamente difficile che, potra’ sicuramente mettere in difficolta’ il numero uno del Vaticano cioe’ , Papa Francesco, dato che proprio lui in persona accetto’ la nomina di George Pell nel C9 ( i nove piu’ potenti Cardinali Vaticani con enorme potere decisionale!).
E’ chiaro che tutto sara’ da dimostrare ma, se venisse dimostrata la colpa di George Pell, in simultanea Papa Francesco sara’ totalmente screditato e con lui tutte le sue idee di riforme innovative e umane che il Papa voleva introdurre nel Vaticano, perche’ sara’ tacciato di complicita’ nel aver coperto ed addirittura aver avallato la promozione del Cardinale George Pell a Ministro delle Finanze Vaticane, posizione che, ripeto, viene considerata posizione numero due nella nomenclatura Vaticana!

Ora, essendo io portatore di notizie dalla terra dei Kangaroo, non trovo assolutamente giusto esprimere in merito pensieri personali ma, mi piacerebbe conoscere le vostre opinioni qui sotto!

Buona Vita a tutti!

Paolo Buralli Manfredi